Facesti come quei che va di notte,
che porta il lume dietro e sé non giova,
ma dopo sé fa le persone dotte
.
(Dante, Purgatorio, XXII, vv. 67-69)

La citazione d’apertura è un passo dell’omaggio a Virgilio che, nel Purgatorio dantesco, Publio Papinio Stazio (45-96 d.C.), uno tra i maggiori poeti epici latini, rende all’autore dell’Eneide. Non avrebbe senso approfondire il paragone contenuto nella terzina che fa riferimento a una tradizione di allusioni simboliche, legate all’idea biblica del camminare dentro tenebre rischiarabili solo dalla luce divina. Ma anche proponendo una lettura più semplice dei versi, credo si possa cogliere nell’immagine della lanterna, che con la sua luce indica il cammino a chi segue, un rimando metaforico al senso e al valore impliciti nella possibilità di conoscere, e saper riconoscere, gli orizzonti culturali cui apparteniamo.
Nel suo piccolo, l’UNI3 fin dalla sua istituzione si pone l’obbiettivo di fornire qualche contributo che consenta, a chi ama la cultura nelle sue molteplici forme espressive, di trovare piacevoli occasioni di conoscere, riflettere e approfondire. Particolarmente in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, uno sguardo attento alla conoscenza, e al bello che da essa può discendere, costituisce un’opportunità per recuperare energie positive e pensare con speranza al futuro. Motivati da considerazioni di tale natura, fin dall’inizio della crisi sanitaria, abbiamo cercato soluzioni per mantenere in vita gli incontri dell’UNI3, seppure a distanza. Tra aprile e dicembre 2020 sono stati organizzati oltre 50 corsi online in vari ambiti disciplinari, per un totale di circa 150 lezioni, cui hanno partecipato con entusiasmo alcune centinaia di persone.
Sul sito dell’ATTE si propone attualmente la presentazione solo di una prima parte delle proposte di corsi UNI3 per il semestre primaverile, quelle che riguardano i mesi da gennaio a marzo 2021. Al momento siamo in grado di confermare che tutte le lezioni continueranno a svolgersi online. Vista l’incertezza della situazione sanitaria, la possibilità che si torni a un’offerta di corsi “misti” o “ibridi” (cioè svolti sia in presenza sia da remoto) dovrà essere valutata di volta in volta. Anche per questa ragione si è rinunciato alla pubblicazione dell’abituale programma semestrale cartaceo, preferendo una presentazione scaglionata in due momenti sui canali digitali. Per quanto riguarda i contenuti relativi alla prima serie di proposte, si è cercato di diversificare come di consueto gli ambiti tematici, tenendo conto anche delle disponibilità dei docenti. Visto l’apprezzamento mostrato per i corsi a carattere multidisciplinare, il semestre avrà uno dei suoi punti focali nella serie d’incontri dedicati alla figura di Dante Alighieri (1265-1321), di cui ricorre il 700° della morte.
Nella speranza che molti accolgano con favore e interesse i nuovi suggerimenti dell’UNI3, anche a nome dei tanti corsisti che negli anni hanno avuto contatti con lei, desidero rivolgere un sentito ringraziamento alla signora Monica Pini, che si appresta a lasciare il Segretariato ATTE per il pensionamento, dopo aver dedicato molte energie al buon funzionamento dell’UNI3 ticinese.

Giampaolo Cereghetti, direttore UNI3

L’UNIVERSITÀ DELLA TERZA ETÀ (UNI3)
Da 35 anni, i corsi dell’UNI3 offrono agli interessati possibilità di aggiornamento su molti temi di natura culturale, che spaziano dagli orizzonti umanistici a quelli scientifici o tecnici. Essi garantiscono ai partecipanti momenti di approfondimento culturale, uniti a occasioni di socializzazione, quando possibile anche a carattere intergenerazionale.
Le attività si svolgono normalmente di pomeriggio e sono aperte a tutti, indipendentemente dai percorsi formativi alle spalle e dagli ambiti professionali praticati. I corsi si sviluppano in cicli di due o quattro lezioni (ma possono esservi anche incontri singoli) e sono tenuti da docenti qualificati, in grado di conciliare l’approccio scientificamente rigoroso col tono divulgativo e aperto a forme di collaborazione attiva. Le lezioni, nella misura del possibile, vengono proposte nelle varie regioni del Cantone, ma durante la crisi sanitaria esse continueranno a svolgersi di regola solo online, mediante il programma Zoom. Quando ne siano date le premesse, gli incontri possono venir associati, a visite guidate a musei e mostre oppure a escursioni culturali anche di più giorni.

L’UNI3 del Cantone Ticino, servizio dell’ATTE, fondata nel 1985, è membro della U3 – Federazione svizzera delle Università della terza età (www.uni-3.ch), riconosciuta in ambito nazionale e internazionale come Università della Terza Età. È pure allo studio un rafforzamento della collaborazione già esistente con l’Università della Svizzera italiana (USI).

UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ZOOM
Le videoconferenze proposte dall’UNI3 possono essere seguite da casa tramite computer, tablet o cellulare. Esse richiedono comunque l’iscrizione e il pagamento di una quota.
Per partecipare alle videoconferenze occorre scaricare il programma Zoom all’indirizzo www.atte.ch/zoom.
Il Segretariato ATTE è a disposizione per fornire aiuto e assistenza nell’installazione del programma e per spiegarne il funzionamento.

TERMINE DI ISCRIZIONE AI CORSI
Al più presto come da indicazioni.

QUOTE D’ISCRIZIONE
La necessità di trovare un migliore equilibrio dei conti, resi ancor più precari dalle attuali circostanze e da soluzioni organizzative che allontanano la possibilità di avvicinare il pareggio di bilancio, ha imposto una, seppur contenuta, ridefinizione delle quote d’iscrizione, sottoposte alla valutazione del Comitato cantonale e da esso approvate.

Costo dei singoli corsi (che possono comportare una o più lezioni): da CHF 20.00 a 60.00 per i soci senza tessera annuale. Per i non soci, la quota è maggiore (da CHF 40 a 100).

Costo della tessera UNI3 per il semestre primaverile 2021: CHF 120.00.
La tessera è riservata ai soci ATTE e consente la partecipazione a tutti i corsi senza costi aggiuntivi, con possibili limitazioni nel caso di cicli di lezioni a carattere pluridisciplinare (v. il ciclo dedicato a D. Alighieri).
Anche per i possessori della tessera semestrale resta obbligatoria l’iscrizione ai corsi che si intendono frequentare.

CONDIZIONI GENERALI
Il pagamento è da effettuare prima dell’inizio dei corsi.
Sono riservati cambiamenti di date ed eventuali modifiche dei programmi, così come l’annullamento di corsi se le iscrizioni sono insufficienti.