UNI3 2021: quasi trecento ore di formazione continua per la terza età

«Esiste un solo bene, la conoscenza, e un solo
male, l’ignoranza» Socrate, in Diogene Laerzio,
Vitae philosophorum, II, 31

Come si è riferito già in altre occasioni, la pandemia ha avuto ripercussioni significative sulle attività promosse dall’ATTE. Tuttavia non si è trattato di mettere in conto solo chiusure e rinunce, bensì anche di studiare soluzioni per mantenere i contatti con le socie e i soci. Fra le iniziative che hanno riscosso un buon successo e conosciuto la partecipazione di un pubblico spesso entusiasta, vanno segnalate quelle dell’UNI3, trasformatasi in servizio online fin dallo scoppio della crisi sanitaria. A partire dall’aprile 2020, è stata predisposta un’offerta di corsi “da remoto”, protrattisi fino a dicembre grossomodo al ritmo di 5 incontri “virtuali” a settimana. Durante l’anno sono stati organizzati 63 corsi (quasi la metà online), corrispondenti a oltre 150 lezioni e a circa 230 ore di formazione continua riservata alla terza età. L’offerta di videoconferenze ha ovviamente comportato l’adattamento della didattica da parte dei docenti, mentre il personale del Segretariato ha istruito gli utenti all’uso del programma Zoom e assicurato l’assistenza tecnica durante le lezioni. La programmazione degli incontri online è proseguita nel 2021: tra gennaio e giugno si sono proposti 41 corsi in 15 ambiti disciplinari, per complessive 93 lezioni e circa 140 ore di formazione continua. Molte le iscrizioni registrate nei primi 6 mesi dell’anno: oltre 2’000. In primavera (dopo le esperienze positive degli appuntamenti dedicati a Leonardo Da Vinci e Galileo Galilei) è stato proposto un corso pluridisciplinare su Dante Alighieri nella ricorrenza del 700° della morte. Sette gli ambiti tematici affidati ad altrettanti docenti durante 12 incontri, ai quali si sono iscritte più di 700 persone. Alto il grado di apprezzamento (superiore al 95%) verificato tramite un questionario distribuito ai partecipanti. Offerte di corsi, seppure a ritmi ridotti, sono state predisposte anche per i mesi estivi: si è trattato di 12 incontri, la metà dei quali dedicati agli scrittori Friedrich Dürrenmatt e Leonardo Sciascia nel centenario della nascita. Il programma per il periodo settembre-dicembre 2021 che qui si presenta, consta di una quarantina di nuove proposte per un totale di oltre 90 incontri che, come di consueto, puntano a tenere ampio lo spettro delle aree disciplinari e dei temi affrontati. Tenuto conto dell’evolversi della situazione sanitaria (che andrà monitorata con attenzione costante) e dell’andamento del programma vaccinale fra gli anziani, oltre ai corsi online – apprezzati da molti perché non comportano l’impegno di doversi organizzare per spostamenti non sempre comodi o scontati – con l’autunno si conta di tornare a organizzare almeno una parte delle attività anche “in presenza”, ovviamente con la prudenza necessaria e nel rispetto dei protocolli di protezione attuati nei Centri diurni. Sebbene ciò comporti dal profilo organizzativo qualche ulteriore complicazione, sono previsti anche alcuni corsi in forma “ibrida” (o “mista”), già sperimentata in qualche occasione nel 2020. In pratica si prevede la possibilità di partecipare alle lezioni in aula (se necessario, limitando il numero di persone) oppure online da casa. Se questa formula dovesse dare riscontri positivi, non è escluso che possa diventare in futuro una soluzione sulla quale puntare, anche una volta superata la crisi sanitaria. In questa prospettiva, sarebbe però necessario trovare dei volontari disponibili a seguire una formazione per collaborare alla gestione tecnica degli incontri. Lasciando al lettore il compito di scorrere l’insieme delle nuove proposte, che si spera suscitino l’interesse di molti, se ne indicano per sommi capi solo alcune, incominciando dall’offerta di un altro “progetto pluridisciplinare” dedicato alla figura di Napoleone Bonaparte, nella ricorrenza dei 200 anni dalla morte (4 i docenti coinvolti per complessivamente 10 incontri). A proposito di ricorrenze, un corso verrà dedicato al 200° della nascita del grande scrittore e filosofo russo Fëdor Dostoevskij, mentre – nell’ambito delle lezioni dedicate alla letteratura in epoca napoleonica – vi sarà occasione di ricordare anche il poeta milanese Carlo Porta di cui ricorre il 200° della morte. Fra i corsi previsti sul finire del 2021, da segnalare quello riguardante le relazioni tra la “Politica e la scienza”, una problematica che la situazione pandemica ha reso di grande attualità. In questo contesto è previsto un dibattito conclusivo cui, con altri relatori, parteciperà il direttore del DSS. In chiusura, un accenno agli incontri dedicati alla letteratura dialettale, un’occasione per accennare all’antologia di poeti in dialetto della Svizzera italiana in corso di preparazione (curatori G. Cereghetti e G. Pedrojetta), col sostegno della Fondazione Federico Ghisletta dell’ATTE.

Giampaolo Cereghetti, direttore dell’UNI3

L’UNIVERSITÀ DELLA TERZA ETÀ (UNI3)
Da 35 anni, i corsi dell’UNI3 offrono agli interessati possibilità di aggiornamento su molti temi di natura culturale, che spaziano dagli orizzonti umanistici a quelli scientifici o tecnici. Essi garantiscono ai partecipanti momenti di approfondimento culturale, uniti a occasioni di socializzazione, quando possibile anche a carattere intergenerazionale.
Le attività si svolgono normalmente di pomeriggio e sono aperte a tutti, indipendentemente dai percorsi formativi alle spalle e dagli ambiti professionali praticati. I corsi si sviluppano in cicli di due o quattro lezioni (ma possono esservi anche incontri singoli) e sono tenuti da docenti qualificati, in grado di conciliare l’approccio scientificamente rigoroso col tono divulgativo e aperto a forme di collaborazione attiva. Le lezioni, nella misura del possibile, vengono proposte nelle varie regioni del Cantone, ma durante la crisi sanitaria esse continueranno a svolgersi di regola solo online, mediante il programma Zoom. Quando ne siano date le premesse, gli incontri possono venir associati, a visite guidate a musei e mostre oppure a escursioni culturali anche di più giorni.

L’UNI3 del Cantone Ticino, servizio dell’ATTE, fondata nel 1985, è membro della U3 – Federazione svizzera delle Università della terza età (www.uni-3.ch), riconosciuta in ambito nazionale e internazionale come Università della Terza Età. È pure allo studio un rafforzamento della collaborazione già esistente con l’Università della Svizzera italiana (USI).

UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ZOOM
Le videoconferenze proposte dall’UNI3 possono essere seguite da casa tramite computer, tablet o cellulare. Esse richiedono comunque l’iscrizione e il pagamento di una quota.
Per partecipare alle videoconferenze occorre scaricare il programma Zoom all’indirizzo www.atte.ch/zoom.
Il Segretariato ATTE è a disposizione per fornire aiuto e assistenza nell’installazione del programma e per spiegarne il funzionamento.

TERMINE DI ISCRIZIONE AI CORSI
Al più presto come da indicazioni.

QUOTE D’ISCRIZIONE
La necessità di trovare un migliore equilibrio dei conti, resi ancor più precari dalle attuali circostanze e da soluzioni organizzative che allontanano la possibilità di avvicinare il pareggio di bilancio, ha imposto una, seppur contenuta, ridefinizione delle quote d’iscrizione, sottoposte alla valutazione del Comitato cantonale e da esso approvate.

Costo dei singoli corsi (che possono comportare una o più lezioni): da CHF 20.00 a 60.00 per i soci senza tessera annuale. Per i non soci, la quota è maggiore (da CHF 40 a 100).

Costo della tessera UNI3 per l’estate e l’autunno 2021: da CHF 120.00.
La tessera è riservata ai soci ATTE e sarà valida, dal 1° giugno al 31 dicembre 2021, consente la partecipazione a tutte le proposte estive e autunnali dell’UNI3. I corsi pluridisciplinari sono esclusi, ma è previsto un prezzo speciale per i possessori della tessera, acquistabile al prezzo minimo di CHF 120.00.
Novità: chi desidera sostenere l’UNI3 può versare una quota maggiore, selezionando una delle varianti disponibili: CHF 150.00 / CHF 180.00 / CHF 200.00.
Anche per i possessori della tessera semestrale resta obbligatoria l’iscrizione ai corsi che si intendono frequentare.

CONDIZIONI GENERALI
Il pagamento è da effettuare prima dell’inizio dei corsi.
Sono riservati cambiamenti di date ed eventuali modifiche dei programmi, così come l’annullamento di corsi se le iscrizioni sono insufficienti.