Ottimo riscontro di pubblico per l’Incontro cantonale della persona anziana organizzato dall’ATTE venerdì 12 ottobre a Chiasso. Sala gremita infatti al Cinema Teatro dove oltre duecento persone hanno seguito con attenzione gli interventi dei quattro ospiti: il Medico cantonale Giorgio Merlani, il Caposervizio geriatria OCL di Lugano, Fabiano Meroni, il dottorando all’ETHZ e specialista in Scienze motorie, Damiano Zemp e Duilio Fiala, già docente di educazione fisica al Liceo cantonale di Lugano 1.

Partendo dal tema della giornata “Anziani in forma! – Vita attiva e promozione della salute e del benessere: obbiettivi di una corretta politica sanitaria per la terza età”, ognuno dei quattro relatori ha tracciato un proprio quadro dando nel contempo dei consigli pratici al pubblico in sala. Primo fra tutti: muoversi. Se è vero che, dati alla mano, la sedentarietà dilaga soprattutto dopo i settant’anni, è altrettanto vero che basta poco per introdurre un po’ di movimento nelle nostre giornate. Un po’ di lavori in giardino, prendere le scale al posto dell’ascensore, scendere a una fermata prima quando si viaggia in autobus, sono tutti piccoli accorgimenti che incidono positivamente su corpo e mente. Non è mai troppo tardi per iniziare un’attività fisica, attrezzi in palestra e ginnastica si possono abbracciare a qualsiasi età, basta mettersi in moto!

Presente in sala anche il Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli, il quale ha portato la sua testimonianza di sportivo alle prese con i primi acciacchi dell’età. Problematiche comuni a tutti che ha ben riassunto con molta autoironia in chiusura di intervento: “L’è mia ‘l cald, l’è mia ‘l frecc ma l’è l’asan che diventa vecc!”.

il-saluto-e-le-riflessioni-di-giampaolo-cereghetti-presidente-atte

Il servizio de “il Quotidiano” – RSI del 12.10.2018