Da oltre trent’anni in Ticino è a disposizione un sistema di allarme che consente alle persone anziane sole o con particolari bisogni di condurre una vita autonoma a casa, sapendo di poter contare, in caso di emergenza, su un aiuto professionale e tempestivo in ogni momento della giornata.

Sin dagli inizi, sotto l’impulso iniziale delle Autorità cantonali (DOS), il servizio di Telesoccorso è stato congiuntamente assicurato dall’Associazione Ticinese Terza Età (ATTE) e dalla Croce Verde Bellinzona (CVB), la quale ha agito in accordo con gli altri Enti di servizio d’ambulanza presenti sul territorio.

La necessità di soddisfare le crescenti e complesse esigenze operative del sistema ha convinto i due partner che fosse giunto il momento, sentito anche il Dipartimento Sanità e Socialità (DSS), di affinare gli strumenti della loro collaborazione e procedere a una riorganizzazione gestionale, confluita nell’istituzione di un nuovo ente erogatore del servizio, denominato Telesoccorso della Svizzera Italiana, che diverrà operativo dal prossimo mese di luglio.

Il cambiamento mira a rendere il servizio ancor più efficiente e utile all’utenza. All’interno della nuova struttura organizzativa l’ATTE si occuperà di tutti gli aspetti amministrativi, mentre la CVB sarà impegnata nella gestione operativa degli apparecchi in dotazione, d’intesa con gli altri attori del servizio di soccorso pre-ospedaliero, i quali continueranno a garantire a livello regionale il pronto intervento.

La necessità di assicurare l’aggiornamento puntuale delle attrezzature e dei programmi informatici in uso, ci costringe a stabilire una ridefinizione, seppure contenuta, delle condizioni finanziarie di erogazione del servizio.

Per chi fosse interessato a conoscere più in dettaglio il servizio può accedere alle informazioni necessarie tramite i siti atte.ch e cvbellinzona.ch oppure telefonicamente al 091 850 05 53.